Cremona. Code in Piazza Stradivari per il ritiro dei sacchi che dovranno contenere i rifiuti indifferenziati dei cittadini cremonesi dal 1 settembre. Prenderà piede infatti la tariffa puntuale, un sistema di calcolo della tariffa rifiuti che non si basa più soltanto sui metri quadrati dell’immobile e sul numero di occupanti, ma anche sulla quantità effettiva di rifiuti indifferenziati prodotti. Ogni sacco azzurro presenterà un tag, associato all’utente registrato, grazie al quale verrà calcolata l’esatta quantità di rifiuti prodotta. Chi produce meno, paga di meno. Un metodo che ha scatenato perplessità tra i cremonesi. I sacchi azzurri dovranno essere esposti solo se pieni. La paura più diffusa è quella di trovare una città piena di rifiuti, sparsi da coloro che non hanno un grande spazio in casa per conservarli o che vorrebbero pagare di meno.

Sara Polgati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata