Brescia. L’obiettivo è quello di contrastare la realizzazione dell’ampio progetto del nuovo depuratore del Garda, che prevede l’attuazione di due impianti a Gavardo e Montichiari con scarico sul Chiese, che costerebbe 220 milioni di euro, con relativo consumo di suolo e scarico in un fiume già fragile.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata