Cremona. Sono sempre caldi gli animi di presidi, rappresentanti dei trasporti e politici per le problematiche che i primi giorni di scuola stanno evidenziando in tema di orari scaglionati e soprattutto di trasporti. Nei mesi scorsi i presidi avevano mandati dati e previsioni sulla provenienza degli alunni, con informazioni sui mezzi di trasporto utilizzati. Ma ad oggi il piano dei trasporti mancherebbe e alla richiesta dei Presidi di sapere quali sono le rotte più in difficoltà, ci sarebbe stata solo la proposta degli ingressi scaglionati. Questo accade a Cremona, perché per Crema e Casalmaggiore il problema è stato risolto con un unico orario di entrata e uscita.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata