l progetto è fermo a causa di alcuni ritrovamenti di reperti romani, per cui si attende il via libera della Soprintendenza delle belle Arti. Ma in località La Rotta, a Caorso, il polo logistico che dovrebbe insediarsi minaccia di stravolgere l’area agricola con un grave consumo di suolo, nuovo cemento e l’aumento esponenziale di traffico anche pesante. Inoltre su questi temi la popolazione non è mai stata coinvolta nè opportunamente informata. A questo pensa ora il Comitato per la Difesa dell’Ambiente e della Salute, che dopo aver avviato una raccolta firme lancia un incontro pubblico in agenda per il 17 settembre.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata