Dal primo settembre a Cremona è partita la raccolta del rifiuto secco indifferenziato con gli appositi sacchi blu, muniti di TAG per la pesatura e quindi per la definizione della tariffa da applicare. Le criticità che sin dall’avvio di questa nuova gestione erano state avanzate in consiglio comunale, trovano ora riscontro nelle segnalazioni che, tutti i giorni, arrivano dai cittadini.  Muniti dei nuovi sacchi infatti, in molti si scontrano con la gestione di quantità di rifiuti che si accumulano in un sacco che, in molti casi, non si sa dove mettere.   Il problema però è più ampio: in gioco c’è l’intera gestione dei rifiuti. A rischio c’è  l’efficacia della raccolta già in corso, mentre rimane irrisolto il problema del decoro urbano, con sacchi e cartoni lasciati a bordo strada per gran parte delle ore diurne.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata