La situazione ambientale globale è preoccupante: il 64% dei terreni agricoli è a rischio di inquinamento da più di un pesticida e il 21% da più di dieci. In Europa addirittura quello da più sostanze sale al 94%. Oltre all’elevata tossicità, molti composti sono persistenti in acqua, suolo e aria e bioaccumulabili nei tessuti grassi di molti animali. Per questo il Wwf  lancia nuovamente l’allarme sui pesticidi utilizzati in agricoltura. L’Italia, grazie alla sua posizione, è il Paese europeo con la massima diversità di rettili e anfibi, bioindicatori per sostanze dannose. Ma oggi il 36% delle specie di anfibi e il 19% di rettili sono fortemente minacciate. In particolare la Lombardia, che è ancora indietro sul biologico rispetto ad altre regioni anche limitrofe, versa in una situazione preoccupante.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata