Cremona. Si era partiti con l’aumento delle utenze che ha supereranno il 40% fino ad arrivare al continuo rincaro sulla benzina che ormai sfiora i due euro al litro. Costi già insostenibili per le persone, considerando che lo stipendio medio oscilla tra i mille e i mille e duecento euro, ma purtroppo l’impennata dei costi è destinata a salire anche sulle materie prime, rischiando di incidere maggiormente sui beni di prima necessità. Giuseppe Fusco

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata