Le bugie che stanno dietro alle politiche per il contrasto al cambiamento climatico e per la sostenibilità vengono a galla nelle denunce dei comitati che a Cremona, in tutta la provincia, puntano il dito contro il continuo fiorire di impianti biogas e contro gli incentivi a pioggia che non mancano di premiare anche chi converte gli impianti in biometano. Cremona è la provincia lombarda con il maggior numero di impianti biogas, ne conta ben 138, impianti che sono fonte di emissioni inquinanti e impatto pesante per un territorio in cui le problematiche si sommano e sono sotto gli occhi di tutti grazie ai dati resi noti dagli studi epidemiologici di Ats. Anche il costo dell’energia è tre volte inferiore rispetto ai pagamenti che arrivano al settore, e l’appello è alla Regione, per una valutazione complessiva delle condizioni del territorio prima del rilascio di nuove autorizzazioni, mentre un appello al governo è ad un più serio cambio di passo per favorire davvero una produzione sostenibile e il contenimento delle emissioni.

1 risposta

  1. Elena Sabbadini

    come vorrei che le nostre cittadine: Cremona, Brescia, Mantova, si aggregassero per farsi sentire in Regione, lottare unite contro un abuso del territorio senza limiti e senza ritegno. Purtroppo non solo ognuno “crede” di poter fare per se, ma anche le divisioni politiche fra chi ha un minimo di coscienza ambientale e la sinistra in generale, non aiutano a portare avanti una difesa coerente e utile. La Lombardia, sede della terra più fertile d’Europa, è ormai irrimediabilmente devastata in tutti i sensi.

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata