A Cremona il commercio sta letteralmente scomparendo, 109 le attività che nel cremonese hanno abbassato definitivamente la loro saracinesca, ma a pagarne maggiormente le conseguenze sono i commercianti del centro storico. Passeggiando infatti tra le vie del centro si possono notare molte, per non dire troppe, vetrine con affisso il cartello vendesi o affittasi. Tra Corso Campi e corso Garibaldi si contano oltre 20 attività chiuse, via Giuseppe Verdi è completamente deserta, resiste, solo una cartolibreria, e anche Corso Vittorio Emanuele inizia a svuotarsi. Anche i grandi Brand, hanno scelto di abbandonare il centro di Cremona, e questo non fa che aumentare la preoccupazione da parte degli stessi commercianti. Ma nonostante questo il nuovo direttore generale di Confcommercio, Stefano Anceschi, si vede fiducioso nella ripresa economica del centro storico.

Giuseppe Fusco

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata