Cremona. La Giunta regionale ha approvato ieri le proposte dell’Assessorato al Welfare per l’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Tutte le strutture identificate dalla regione sono state ritenute idonee e di proprietà del Servizio Socio Sanitario Regionale. Secondo la delibera, uno degli edifici coinvolti dovrebbe essere l’ex Inam. Una decina di anni fa le proteste dei cremonesi contro la chiusura dei poliambulatori approdarono anche al tavolo dell’assessore regionale alla Sanità. L’idea, oggi, sembrerebbe quella di creare una ‘’casa della comunità’’ ovvero una struttura in cui team sanitari multidisciplinari opererebbero a favore, in modo particolare, di persone affette da malattie croniche. Un’informazione però, che sembrerebbe non essere ancora approdata in consiglio comunale.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata