“Appare evidente come la circostanza della procedura vaccinale possa avere rappresentato il ‘primum movens’ di un episodio tromboembolico (come già evidenziato nella letteratura scientifica) in un soggetto sano”. E’ un breve stralcio della perizia medica del prof Carlo Rumi, Specialista in Medicina interna del Policlinico Gemelli di Roma, relativa  ad un uomo di 46 anni che sta effettuando un percorso di riabilitazione dopo aver contratto un ictus sopraggiunto a poco tempo dalla inoculazione del vaccino anticovid. L’uomo ha avuto una paresi alla parte sinistra del corpo. I famigliari si sono rivolti al Codacons che ha avviato la prima azione legale risarcitoria a seguito di danni da siero anticovid.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata