Cremona. L’ospedale di Cremona rischia di mantenere solo la dicitura di ospedale pubblico, ma in realtà all’interno, molti servizi potrebbero diventare privati, creando un divario sempre maggiore tra chi potrà permettersi le dovute cure e chi invece dovrà accontentarsi di quello che offrire la sanità pubblica, con tempi di attesa biblici. Il presidio che si terrà sabato 30 Ottobre, all’ingresso dell’ospedale è stato indetto dai sindacati dei lavoratori della sanità pubblica. Ma l’iniziativa non è rivolta solo a chi opera all’interno dell’ospedale, ma a tutta la popolazione, in quanto a pagarne le conseguenze sarà proprio il privato cittadino. Quello di sabato sarà un ultimo tentativo per cercare di evitare questa sempre più probabile spaccatura tra sanità pubblica e privata.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata