Una campagna di Greenpeace mette sotto accusa gli annunci pubblicitari online delle sei principali aziende europee dei combustibili fossili, tra cui l’Italiana Eni: si tratta di pubblicità basate su false soluzioni per il clima e progetti spacciati come verdi, mentre gli investimenti vanno a premiare ancora lo sfruttamento delle fonti fossili.  Grazie ad una petizione si potrà far valere la richiesta, in sede europea, di una legge che vieti le pubblicità e le sponsorizzazioni delle aziende inquinanti.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata