Il Piano della Mobilità sostenibile, steso nel 2019 e già per molti versi da rivedere alla luce dello sviluppo cittadino degli ultimi anni e delle nuove normative, è stato sottoposto al voto della Commissione Ambiente a Cremona nelle sue vesti originarie, senza aggiornamenti.  Una seduta inutile, secondo Luca Nolli, che si è per questo scontrato con l’assessore Simona Pasquali.  Sotto accusa a questo punto non finisce solo il Pums, che slitterà in consiglio comunale lunedi, ma l’intera progettualità che a Cremona riguarda lo sviluppo della mobilità, la viabilità e gli interventi urbanistici che stanno trasformando in particolare il comparto del commercio che insiste sulla tangenziale. 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata