La Guardia di Finanza di Pavia farà luce sull’operazione di acquisizione di Lgh da parte di A2a, verificando le accuse contenute nel ricorso presentato dal Movimento 5 Stelle e che riguardano in particolare la mancanza di una gara pubblica. Le Fiamme gialle hanno già iniziato a accertare i fatti, dopo aver richiesto la documentazione necessaria ai comuni di Cremona e Crema, in questo caso richiesta a Scs, socuietà in Linea Group con Comune di crema e Scrp. Ieri c’è stata l’ufficializzazione della presa in carico dell’esposto datato 15 ottobre, avente ad oggetto: segnalazione circa la sussistenza di un possibile danno erariale per responsabilità amministrativa riguardante l’acquisizione da parte di A2A del 51% di Linea Group Holding (LGH) senza prima esperire una procedura di evidenza pubblica in violazione della Delibera ANAC n. 172 del 21 febbraio 2018. Le accuse dei grillini sono pesanti e sostengono la responsabilità amministrativa per danno erariale anche dei comuni soci e delle società pubbliche, chiedendo che nel caso di accertamento delle violazioni riscontrate, sia sospesa immediatamente la procedura di integrazione societaria ed industriale tra A2A Spa e LGH Spa e i relativi gruppi aziendali, esperendo idonea procedura ad evidenza pubblica e aprendo ad una gara pubblica per altri operatori economici”. Altra richiesta è che in  caso di accertamento di responsabilità amministrativa, sia disposta l’immediata restituzione di quanto eventualmente corrisposto ad A2A Spa adottando ogni provvedimento più opportuno nei confronti egli amministratori pubblici delle società partecipate che hanno deciso di cedere le quote di LGH”. Ora le Fiamme Gialle di Pavia accerteranno i fatti mentre proseguono gli approfondimenti avviati  nel 2018 dopo il parere dell’Anac che aveva espresso contrarietà all’operazione di fusione, dopo il ricorso sempre del Movimento 5 Stelle. 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata