Una incidenza ogni 100 mila abitanti negli ultimi 7 giorni che si attesta a 74 contro una media nazionale di 91, una percentuale di posti letto occupati negli ospedali dell’8% mentre nelle terapie intensive è stabile al 3%. Un quadro epidemiologico, dunque, sotto controllo anche se con una leggera risalita dei contagi. A dichiararlo l’assessore al welfare di regione Lombardia Letizia Moratti che in conferenza stampa con il coordinatore della campagna vaccinale lombarda Guido Bertolaso ha fatto il punto di una situazione buona ma, secondo gli inquilini di palazzo Pirelli non ancora sufficiente. Si spinge dunque sulla terza dose: da domani gli over 40 potranno prenotare sul portare di Poste Italiane e l’inoculazione partirà dal 1 dicembre. Intanto Le terze dosi prenotate ad oggi sono 1,1 milioni fra over 60, cittadini fragili, immunodepressi, personale sanitario e ospiti di Rsa. La Lombardia ora spinge anche sui minori: trai i 12 e i 15 anni i vaccinati sono il 73% e tra i 15 e i 18 l’87%. Anche qui sembra non bastare nonostante i dati dimostrino la quasi totale assenza di complicazioni da covid per queste fasce d’età. E allora già si pensa ai più piccoli quelli tra i 5 e gli 11 anni.  Barbara Appiani

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata