Cremona. Anche i tassisti di Cremona hanno aderito allo sciopero che ha coinvolto tutti i taxi Italiani. La motivazione è dovuta ad un nuovo procedimento da parte del governo, che qualora dovesse essere approvato, darebbe la possibilità a chiunque di trasportare le persone da una parte all’altra, senza la necessita di una licenza. Un’ulteriore danno ad una categoria già fortemente penalizzata negli ultimi due anni, con perdite superiori al 50%, Inoltre, presso la stazione ferroviaria di Cremona, luogo in cui si è tenuto lo sciopero dei taxi, ci sono state segnalate altre due grandi problematiche. La prima inerente al cartello che indica i contatti per chiamare i taxi, dove il numero è stato parzialmente coperto, probabilmente con una bomboletta spray. Mentre la seconda criticità, forse più grave della prima, per via della mancanza, da ormai troppo tempo, del defibrillatore, che in caso di necessità sarebbe in grado di salvare delle vite. 

Giuseppe Fusco

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata