Dopo le parole si deve passare ai fatti: un impegno concreto è chiesto al sindaco di Cremona e alla giunta con un ordine del giorno in Consiglio Comunale. L’obbiettivo è un cambio di passo verso l’abolizione dell’uso delle gabbie negli allevamenti intensivi del territorio, che va sostenuto con ogni misura possibile, anche economica e urbanistica. Il contesto lo impone: la Commissione Europea, sulla spinta dell’iniziativa dei cittadini, che hanno raccolto 1,4 milioni di firme, e della risoluzione del Parlamento europeo del giugno scorso, presenterà una proposta legislativa per la dismissione graduale delle gabbi a partire dal 2023. Cremona da parte sua ha già presentato le linee guida per la Food Policy 21-24 e ora dovrà tradurre in concreto gli obbiettivi indicati.  

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata