Tutte le associazioni ambientaliste cremonesi hanno firmato e pubblicato una nota per denunciare l’enorme danno che il territorio subirebbe con la realizzazione dell’autostrada Cremona Mantova. Il calcolo è stato fatto sulla base dell’ultimo rapporto di ISPRA sul consumo di suolo, secondo cui il costo medio, sotto il profilo ecosistemico ed economico, per ciascun ettaro di suolo impermeabilizzato è di circa 100 mila euro/anno. Si parla di un danno per la collettività di 7,5 miliardi che, in caso di completamento anche della Tibre, lieviterebbe a 13,5 miliardi di euro. Gli ambientalisti del territorio, nelle 14 associazioni locali firmatarie del documento, tornano a chiedere l’abbandono di un progetto inutile e devastante e la riqualificazione della Ss10

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata