La Maddalena, il Monte dei bresciani, si mostra ferito. L’incendio divampato ieri pomeriggio, intorno alle 15.30, è stato circoscritto nella notte dai Vigili del Fuoco ma dalla montagna, a ridosso della città, si ergono ancora alte colonne di fumo.  Le fiamme hanno divorato sei ettari di vegetazione anche se ora è presto per fare dei bilanci su quanto è andato distrutto. Fin dalle prime ore, nelle operazioni che poi sono proseguite tutta la notte sono stati impegnati anche i Carabinieri Forestali, i volontari dell’antincendio boschivo e la Protezione Civile. Tre elicotteri sono ancora in azione per spegnere anche gli ultimi focolai. La strada Panoramica che conduce in vetta è rimasta aperta solo per i residenti da San Gottardo in su. Inaccessibile per motivi di sicurezza la zona dal settimo tornante al dodicesimo dove è divampato il fuoco. Fortunatamente l’incendio non ha raggiunto le abitazioni di quella che è una delle zone di maggior prestigio di Brescia. Tanta è stata la paura e tanto è il dispiacere per quanto è andato perduto del polmone verde che dà ossigeno alla città. La situazione ora è sotto controllo anche se le fiamme, alimentate dal vento, si sono fermate ma non ancora del tutto spente. Resta ancora da chiarire cosa abbia scatenato l’inferno.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata