Una corsa contro il tempo per salvare da morte certa i 130 animali, tra cinghiali e maiali, presenti nella “Sfattoria degli Ultimi” di Roma. Il pretesto avanzato dall’Asl Roma 1 è quello della peste suina anche se questi capi sono, in realtà, sani. Il problema che sta vivendo il santuario romano potrebbe anche estendersi ad altri centri. E i timori si moltiplicano.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata