L’associazione tedesca Animal Welfare Foundation, ha denunciato alla Commissione europea 13 stati membri, fra cui anche l’Italia, per aver infranto le leggi sul trasporto di animali vivi verso la Turchia.  I risultati delle ispezioni del trasporto di animali europei al confine turco a Kapikule sono riassunti in un dossier di 1000 pagine. Sono stati ispezionati un totale di 352 camion con animali, di cui 247 violavano uno o più punti del regolamento europeo sul trasporto. Per quanto riguarda l’Italia sono 6 i carichi controllati e tutti infrangevano le leggi. Inoltre le esportazioni dal nostro Paese verso la Turchia sono quadruplicate tra il 2014 e il 2015, passando da 1000 a 4000. Animali costretti a viaggiare a temperature elevatissime, senza acqua né cibo, feriti, senza spazio per tenere il capo eretto, ammassati nelle loro stesse feci, senza nessuna possibilità di essere curati. Il Regolamento europeo sul trasporto 1/2005, invece, tutela gli animali durante il trasporto in tutti gli Stati membri, per evitare loro ogni inutile sofferenza. Inoltre una recente sentenza della Corte di Giustizia europea ha stabilito che il regolamento deve essere rispettato anche nei paesi terzi quando gli animali partono dagli Stati membri della UE. Animal Welfare Foundation ha anche denunciato che l’infrazione del regolamento crea una distorsione del mercato perché le aziende che operano nella legalità devono sostenere costi operativi maggiori. L’associazione sta lavorando perfar partire una petizione che possa spronare il Parllamento ad attivarsi per la tutela degli animali.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata