Dai segreti infinitamente piccoli del corpo umano, a quelli vasti e in gran parte infondati dell’universo. A quattro anni dall’incendio che in parte la distrusse, Città della Scienza di Bagnoli, a Napoli, si riappropria del suo ruolo di protagonista nella vita culturale italiana e della sua missione di coniugare conoscenza, educazione e divertimento, con due aperture-evento.

Si è partiti con “Corporea” il primo museo interattivo europeo dedicato al corpo umano. Poi, il 13 marzo sarà la volta del Dome/3d, il più grande planetario d’Italia.”Corporea” si sviluppa su oltre 5000 metri quadrati su tre livelli, 14 isole tematiche, dall’apparato cardio circolatorio a quello digerente, da quello sessuale e riproduttivo ai cinque sensi. E poi, esposizioni, macro installazioni e postazioni interattive, per uno dei più affascinanti viaggi che l’uomo abbia mai desiderato compiere: quello dentro sé stesso.

Grazie infatti alle nuove tecnologie di realtà virtuale, giochi, laboratori e sperimentazioni, i visitatori possono entrare nei più complessi meccanismi che regolano la vita. Con uno spettacolare allestimento tecnologico Corporea si propone di divertire i visitatori di tutte le età e al contempo di imparare come funziona il corpo umano.A seguire, il 19 marzo, aprirà la seconda struttura del Science Center, che ospiterà invece il più grande planetario 3d italiano.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata