Una biodiversità sempre più ridotta che si riflette anche su significativi simboli culturali. Questo il triste futuro che attende i bambini americani secondo la Endangered Species Coalition, che ha stilato la ‘Top Ten’ delle specie animali e vegetali degli Stati Uniti a rischio estinzione entro i prossimi decenni. Nella lista nera della biodiversità – descritta dalla nuova analisi dell’organizzazione ambientalista intitolata “Vanishing: ten american species our children may never see” – emergono alcune delle specie iconiche degli Stati Uniti. In pericolo sono il gallo della salvia, simbolo del selvaggio West, la cui popolazione è in netto declino a causa della distruzione delle praterie di artemisia, i pipistrelli bruni che, prima di essere decimati da una malattia fungina, popolavano largamente tutto il Nord America; l’orso polare ed il grande squalo bianco, il cui numero al largo della costa californiana e messicana si stima essere non di oltre i 350 esemplari. Sempre rimanendo in tema marino, nella lista figurano “in gravi guai” anche il salmone rosso e le balene del Pacifico del nord. Entrambe le specie sono note per rappresentare il cetaceo e il salmone più a rischio sulla Terra: il numero di balene presenti in acque statunitensi si attesta solamente ad una trentina di esemplari, mentre il maggior problema per il salmone è dato dalle quattro dighe che rendono – spiegano i ricercatori nell’analisi – “quasi impossibile la migrazione nelle zone di riproduzione nelle Montagne Rocciose”. La farfalla monarca (passata da un miliardo di esemplari dieci anni fa a 33 milioni lo scorso anno) rischia di essere sterminata dai diserbanti usati per tutelare le coltivazioni di grano e soia, il bombo (la cui popolazione è scesa dell’87%) dagli insetticidi e la rana muscosa, che in Sierra Nevada e in California è diminuita del 95%, dalla distruzione del suo habitat. Nella Top Ten della biodiversità a rischio, un posto è stato assegnato anche da una specie vegetale: il pino dalla corteccia bianca, ampiamente diffuso una volta sulle montagne degli Stati Uniti occidentali.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata