Oggi è il World Pneumonia Day, la Giornata  Mondiale contro la Polmonite, malattia che ogni anno uccide un milione di bamnini anche se, l’anno scorso,per la prima volta in oltre un decennio la polmonite non è stata la principale causa di morte tra i bambini sotto i 5 anni ma la seconda, dopo le complicazioni per le nascite pre-termine. Il bilancio delle vittime della polmonite è però ancora alto: 954.000 bambini muoiono ogni anno, anche se dal 2000 i decessi sono diminuiti del 44%. Lo afferma l’Unicef:  ”La polmonite è ancora una malattia molto pericolosa: uccide più bambini sotto i cinque anni di quanto non facciano Hiv/Aids, malaria, incidenti e morbillo messi insieme, e sebbene i numeri siano in calo, con quasi un milione di morti l’anno non c’è spazio per il compiacimento”, afferma Mickey Chopra, responsabile programmi di salute globale dell’Unicef. La povertà è il fattore di rischio ”più importante – rileva – e le morti per polmonite sono più alte nelle comunità rurali. I bambini poveri, inoltre, hanno meno probabilità di essere vaccinati contro morbillo e pertosse, alcune delle principali cause della malattia”.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata