Dal ministro della Giustizia Andrea Orlando arrivano rassicurazioni in merito al decreto legislativo in materia di “non punibilità per particolare tenuità del fatto” che non sarà applicato ai reati sugli animali. Si allontana quindi la vergognosa possibilità che i maltrattamenti nei loro confronti possano essere depenalizzati. I rischi legati all’approvazione del decreto avevano scatenato le proteste di tutte le associazioni animaliste e la Federazione italiana Associazione Diritti Animali e Ambiente aveva proclamato, per il 24 gennaio, una giornata nazionale di mobilitazione. Non era infatti possibile mandare all’aria anni di norme penali sui maltrattamenti e l’uccisione degli animali. Perfino processi come quelli contro l’allevamento di beagle Green Hill o le operazioni contro il traffico di cuccioli o i combattimenti tra cani rischiavano di finire archiviati.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata