Manifestazione nella Bassa Bresciana: no all’ennesima discarica

Ieri, Domenica 12 Aprile, nella Bassa Bresciana, tra Berlingo e Cazzago San Martino, si è svolta una manifestazione per dire no all’ennesima discarica di rifiuti speciali, in zona Macogna. Cinquemila persone, mille biciclette, venti trattori e trentasette sindaci hanno marciato insieme per potestare. Hanno partecipato unitamente comitati locali, associazioni ambientaliste, cittadini di Travagliato, di Castenedolo e altri paesi. I manifestanti hanno marciato per circa 9 chilometri attorno al perimetro della futura discarica bloccando la strada provinciale 19. Era da anni che non si assisteva ad una protesta così sentita ambientalista; ma ora i cittadini sono preoccupati per le molteplici criticità ambientali che minacciano una provincia già bersagliata da anni. Nel tempo sono infatti state costruite in quelle zone oltre 110 discariche e tuttora, ogni anno, vengono smaltite nelle ex cave più di 1,6 milioni di rifiuti speciali e pericolosi. Su quell’area, a pochi passi dalla Franciacorta, esiste ancora una discarica per lo smaltimento di rifiuti inerti e la falda che alimenta i pozzi degli acquedotti si trova ad un solo metro e mezzo di distanza dal fondo di questa.