I Centri Recupero Animali Selvatici di tutta Italia, in questi giorni, stanno lanciando un importante invito a non toccare i cuccioli selvatici che incontriamo nei boschi o nelle campagne. Se ingenuamente pensiamo di aiutarli, credendoli abbandonati, in realtà rischiamo di peggiorare la situazione. La madre, infatti, solitamente è nei paraggi. I cuccioli non sono come si potrebbe pensare, indifesi, perché restano immobili e si mimetizzano, dotati di un loro caratteristico odore, per proteggersi dai predatori. Se però gli animali vengono toccati o spostati la madre, non riconoscendone più l’odore, può abbandonare i propri piccoli. Gli animali da ammirare a distanza sono caprioli, lepri, ghiri, scoiattoli, pipistrelli, tassi, istrici, lupi e anche tutte le specie di uccelli. Nel caso di animali feriti «prima di toccarli» si può contattare i Cras per qualsiasi dubbio e informazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata