Italia soffocata dal cemento: ricoperti 6 mq di terreno al secondo

Secondo i dati diffusi da Ispra, l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, quasi il 20% della fascia costiera italiana è ricoperto di cemento o asfalto. Dal “Rapporto sul consumo di suolo” emergono quindi numeri allarmanti e ad essere in pericolo sono anche 34.000 ettari all’interno di aree protette e il 5% delle rive di laghi e fiumi, ricoperti anch’essi di coltre grigia. Complessivamente il 7% del suolo italiano è cementificato, rispetto al 2,7% degli anni Cinquanta e al 5,8% del 1998. E anche se tra il 2008 e il 2013 il consumo di terreno è rallentato, si calcola che la cementificazione avanzi a un ritmo di circa 6-7 metri quadri al secondo.