Un pellegrinaggio di 60 giorni, almeno 10mila persone in marcia dalle Filippine a Parigi contro il riscaldamento globale del pianeta. L’organizzatore è Yeb Sano è un giovane ambientalista filippino; crede che l’impegno di tutti e la buona volontà siano le armi vincenti per poter arrestare il global warming. Per questo ha deciso di dar vita a questo “Pellegrinaggio del popolo”, per convincere i leader mondiali a intraprendere azioni concrete in occasione del vertice di Parigi, nel dicembre del 2015. “Vogliamo coinvolgere il mondo intero – ha spiegato – la nostra intenzione è mandare un messaggio forte, dobbiamo far vedere ai leader mondiali che siamo in tanti e vogliamo che i governi e le industrie di tutto il pianeta trovino una vera soluzione alla crisi climatica”. Il Paese di Yeb, le Filippine, è in prima linea nell’affrontare questa crisi. Nel 2013 è stato devastato dal tifone Haiyan che ha causato devastazioni incredibili e ucciso più di 7mila persone. L’attivista, quindi, è determinato a far capire al mondo che, se non verranno prese le dovute contromisure, cataclismi come questo diventeranno la normalità. “La scienza è sempre più chiara su quest’aspetto – ha concluso Yeb – il riscaldamento globale causerà tempeste sempre più violente in futuro, disastri senza precedenti in termini d’intensità e rischi che la gente si troverà a dover fronteggiare”. Il pellegrinaggio organizzato da Yeb toccherà alcuni dei luoghi più significativi e vulnerabili per i cambiamenti climatici.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata