Son scomparsi circa duecento anni fa e oggi ne sopravvivono rarissimi esemplari negli zoo. Ora diciotto bisonti europei hanno la la responsabilità di riprendersi il loro habitat per ripopolare i Carpazi. Provenienti dagli zoo mezza Europa, dall’Italia alla Svezia, i bisonti sono stati portati fino al villaggio di Armenis, situato in una zona di foreste umide in Romania, dove appena liberati si spera che i bisonti possano riprodursi fino a raggiungere il numero di 500 esemplari. “Stiamo parlando del bisonte europeo, che è il più grande mammifero terrestre in Europa. Una specie davvero a rischio. Ci sono meno bisonti europei in Europa che, per esempio rinoceronti neri in Africa”, spiega Wouter Helmer, direttore dell’associazione Rewilding Europe che ha lanciato il progetto. “Il programma non riguarda solo i bisonti – spiega Magor Csibi del WWF Romania – qui stiamo cercando di ricreare l’ambiente naturale. Il bisonte è una specie scomparsa da questa regione 200 anni fa. Ma ne esistino altre specie nella stessa situazione. Con la reintroduzione del bisonte pensiamo di riavviare un processo naturale”. (immagini Afp)

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata