Un donatore di sangue australiano, James Harrison, ha salvato la vita di oltre due milioni di bambini grazie a una caratteristica particolare del suo sangue, meritandosi il soprannome di ‘uomo dal braccio d’oro’. Harrison, che ora ha 78 anni, ha iniziato a donare il sangue giovanissimo dopo un intervento chirurgico che gli ha salvato la vita grazie anche all’infusione di 13 litri di sangue. Studiando quello dell’uomo, i ricercatori australiani nel 1967 hanno scoperto che conteneva un rarissimo anticorpo capace di prevenire la cosiddetta malattia Rh, a causa della quale se una donna ha Rh negativo e il bimbo che porta in grembo ha Rh positivo il sistema immunitario materno attacca le cellule del feto, portando nei casi peggiori all’aborto. Dalla scoperta Harrison ha fatto più di mille donazioni e ha lavorato con i medici australiani per sviluppare la cura, a base appunto dell’anticorpo, che viene usata ora per prevenire la malattia in tutto il mondo. Nonostante il numero di donazioni, l’uomo ha ancora paura degli aghi. 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata