Come ogni estate, anche in questa particolarmente torrida, torna a presentarsi il problema relativo agli incendi boschivi. In tutta Italia, da Nord a Sud, nella sola giornata di domenica ne sono stati spenti ben 125, oltre 200 invece le segnalazioni. Le zone più colpite sono quelle del Sud e Centro Italia; ma anche al Nord, soprattutto nelle zone di montagna, sono stati segnalati diversi focolai. Ingente lo sforzo e l’utilizzo di unità antincendio da parte sia dei Vigili del fuoco, sia del Corpo Forestale dello Stato, impegnati nelle operazioni di limitazione e spegnimento delle fiamme. La siccità e il caldo accentuano sicuramente la propagazione delle fiamme che, troppo spesso, sono causate però dalla mano umana. Ancora diffuso il fenomeno dei piromani, non sono però da sottovalutare la disattenzione e l’incoscienza con la quale spesso le persone maneggiano il fuoco. È sufficiente il classico mozzicone di sigaretta, lanciato ancora acceso in mezzo all’erba secca e bruciata di questi giorni, per far partire fiamme a volte alte anche un paio di metri. Queste le raccomandazioni per evitare di appiccare anche involontariamente incendi:

  1. non accendere mai alcun tipo di fuoco nei boschi, in loro vicinanza o in aree con vegetazione secca intorno; non bruciare mai i residui vegetali, come foglie, frasche, rami, cespugli, stoppie, felci, neppure fuori delle aree boscate, ma portarli nelle aree dedicate dai Comuni alla loro raccolta.
  2. Non accendere fuochi per barbecue, se non nelle aree appositamente attrezzate e autorizzate. Prima di abbandonare un fuoco in un’area autorizzata verificate sempre che tutte le braci siano spente completamente,gettandoci sopra abbondante acqua;
  3. non gettare sigarette, né altri oggetti dai finestrini delle auto;
  4. non abbandonare i rifiuti nei boschi perché in futuro potrebbero diventare un’esca per gli incendi;
  5. non parcheggiare mai l’auto con la marmitta catalitica su terreni coperti da erba secca; nelle zone a rischio di incendio, non utilizzare apparecchi che producono fiamme o scintille.

Per qualsiasi segnalazione è possibile contattare il numero 1515 del Corpo Forestale dello Stato, attivo 24 ore al giorno.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata