Milano L’associazione Medicina Democratica – Movimento di Lotta per la Salute, prende posizione nei confronti dello scandalo delle tangenti che ha coinvolto l’assessorato regionale della sanità. Nel documento diffuso dallo stesso movimento si legge “Se Mantovani è una persona corretta, come ha affermato Silvio Berlusconi, vuol dire che possiamo stare tranquilli….L’ex assessore alla Sanità è stato tratto in arresto per concussione e corruzione: ci sono di mezzo delle tangenti in sanità. La storia della Sanità in Lombardia è molto triste. Sembrava che andandosene Formigoni, tutto sarebbe rientrato. Non è stato così, il malaffare è andato avanti. Non è servita l’ennesima riforma, questa volta per opera di Maroni, a risanare il terreno. Già la riforma, denominata “evoluzione del sistema sanitario lombardo”. Sarebbe stato necessario non una “evoluzione”, ma un risanamento. Impossibile da attuare con questo gruppo dirigente. Oggi la Regione aveva organizzato un’iniziativa sulla legalità. Giustamente i banchi della presidenza dove doveva esserci anche il presidente Maroni erano vuoti: forse un preludio doveroso alla sua partenza e a quella della Giunta per imboccare la strada delle elezioni anticipate.Se fosse così, e speriamo che sia, c’è da chiedersi e da chiedere ai cittadini se sanno per chi votano. Dovrebbero riflettere e pensarci. Che le loro scelte siano diverse da quelle di questi ultimi lunghi anni e che comprendano che nella sanità come nella società non si può delegare.La Rete per il diritto alla salute di Milano e Lombardia chiama a raccolta tutte le associazioni e i movimenti: è possibile cambiare, ma non si può che partire dalla partecipazione dal basso.

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata