Contro ogni etica e morale, l’EPO, European Patent Office, ha confermato due brevetti presentati dalla società americana Intrexon con i quali si richiede che vengano riconosciuti come “invenzione” gli animali transgenici come topi, ratti, conigli, cani, gatti, capre, bovini, maiali, cavalli, pecore e scimmie. Numerose organizzazioni, tra cui l’associazione Testbiotech, si erano dichiarate contrarie, sostenendo che questo avrebbe potuto rappresentare un incentivo a portare avanti esperimenti sugli animali a fini commerciali. I brevetti permetterebbero, infatti, di  vendere animali come prodotti ad alto profitto. In seguito alla decisione di EPO, Testbiotech ha annunciato che presenterà ricorso, in quanto gli animali non devono essere paragonati a prodotti dell’ingegneria genetica manipolati utilizzando DNA da miscele di geni appartenenti a insetti ed altre forme di vita.

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata