Servono ancora poco meno di 90mila firme per raggiungere l’obiettivo della petizione lanciata su Avaaz.Org per chiedere di proibire l’utilizzo del glifosato, il diserbante più diffuso in Italia e nel mondo che è probabilmente cancerogeno ed è di pochi giorni fa la notizia di una ricerca condotta dall’Istituto per l’ambiente di Monaco che ha riscontrato la presenza di tracce dell’erbicida in 14 birre. Il glifosato è un erbicida non selettivo impiegato sia su colture arboree che erbacee e aree non destinate alle colture agrarie (industriali, civili, argini, scoline, ecc.). È attualmente utilizzato in 750 prodotti per l’agricoltura: tra quelli che lo contengono come principio attivo il più noto è certamente il Roundup della Monsanto. L’autorizzazione europea per il glifosato è scaduta il 31 dicembre 2015 ma è stata prorogata al 30 giugno 2016.

Firma qui: https://secure.avaaz.org/it/monsanto_dont_silence_science_loc_eu/?pv=180&rc=fb

3 Risposte

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata