In ottobre gli italiani saranno chiamati a votare un referendum costituzionale per approvare oppure respingere la revisione della costituzione che porta il nome dell’attuale ministro Maria Elena Boschi, che l’ha promossa insieme al governo Renzi. Il referendum costituzionale è previsto dall’articolo 138 della Costituzione italiana e, perché sia valido, non è necessario raggiungere il quorum, ossia che vada a votare il 50 per cento più uno degli aventi diritto. La Revisione Costituzionale sarà approvata anche se a votare andrà una minoranza di elettori purché ottenga la maggioranza dei voti espressi e validi, per cui a decidere saranno i cittadini italiani che andranno a votare, pochi o tanti che siano. In questo speciale, curato da Claudia Barigozzi, grazie alla docente di Diritto Costituzionale Lara Trucco, andremo ad approfondire tutte le novità cercando di capirne i possibili risvolti.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata