Ci sono incoraggianti novità sulla cura dell’Alzheimer. Gli studi dell’Università di Zurigo avrebbero dimostrato la capacità di un farmaco di  diminuire la quantità di placche amiloidi, l’accumulo di proteine nel cervello che è considerata la causa della malattia. Lo studio è stato  pubblicato sulla rivista Nature.  Il medicinale avrebbe fatto riscontrare nei pazienti anche segni di rallentamento del declino cognitivo.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata