Grande manifestazione degli ambientalisti davanti alla sede della COP22 a Marrakesh. Dopo la prima settimana di tavoli tecnici per la stesura dei pre-documenti, stanno arrivando le delegazioni ad alto livello, capi di Stato inclusi. Si proverà a identificare il punto di equilibrio per consentire all’accordo di Parigi sul clima, entrato in vigore il mese passato, di avanzare in termini di azioni condivise sulla base degli impegni presi dai paesi ratificatori. L’incognita da sciogliere resta quella della posizione Usa dopo l’elezione di Donald Trump, e le reazioni alla stessa da parte degli altri grandi attori alla COP, Cina ed Unione Europea in testa.Per questo i manifestanti chiedono maggior coinvolgimento delle comunità locali nella difesa dell’ambiente e l’impegno di tutti per una giustizia climatica.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata