Dopo il caso dell’Aprile 2015, tonnellate di polverino dell’acciaieria pugliese tornano ad essere smaltite in Sicilia con un silenzio che è sgradevole. Legambiente segnala come anomalo il fatto che “settimanalmente, da almeno un mese, circa trenta camion per volta si imbarcano a Taranto con il carico dell’Ilva per approdare nel porto di Catania e poi proseguire su strada verso la discarica Cisma di Melilli, in provincia di Siracusa. Chi vive in questa provincia e soprattutto, nel “triangolo della morte” (Melilli, Augusta e Priolo Gargallo), conosce bene i gravi rischi a cui la nostra salute è sottoposta ormai da circa 60 anni e non credo che la soluzione migliore sia quella di aggiungere altri veleni che provocherebbero ulteriori mali: malformazioni fetali, morti tumorali. Senza dimenticare che questi veleni vanno a finire nei nostri orti e nei nostri mari, per poi trasferirsi sulla tavola dove mangiamo con i nostri cari.” Per questo, su Change.org è stata lanciata una petizione per dire Stop ai veleni dell’Ilva in Sicilia.

Ecco il link della petizione: https://www.change.org/p/stop-ai-veleni-dell-ilva-in-sicilia

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata