In mezzo alla foresta nel sud-est del Camerun, circondata da quattro aree protette, gli speculatori statunitensi progettano di implementare una piantagione industriale di palma da olio su 73.000 ettari di terreno. Tre anni fa c’è stata la concessione di un contratto di locazione provvisoria per quasi 20.000 ettari di terreno per una durata di 3 anni ma, grazie alla resistenza della popolazione locale e delle persone in tutto il mondo, la compagnia ha potuto tagliare finora unicamente 882 ettari di foreste. Ora c’è la possibilità di porre fine completamente al progetto di palma da olio e alla deforestazione e quindi preservare la dimora di persone e animali, tra i quali anche specie protette come gli scimpanzé e altri primati, anche con una firma qui.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata