Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista BMC Psychiatry gli animali domestici rappresentano un vero toccasana per la salute mentale degli esseri umani. Cani e gatti, infatti, donerebbero ai loro padroni  non solo amore ma una sorta di stabilità emotiva in grado di lenire disturbi e traumi psicologici.

I ricercatori li definiscono “una fonte di supporto importantissima nella gestione di problemi mentali a lungo termine”. Nonostante i benefici della pet therapy siano ormai noti, la psichiatria non si è ancora concentrata sulle potenzialità della loro presenza nella vita quotidiana di una persona psicologicamente fragile. Ora questa ricerca, che sarà approfondita, getta luce sull’importanza di questi animali che non possono più essere considerati solo di “compagnia”.

Helen Brooks, ricercatrice dell’università di Manchester e autrice dello studio, insieme al suo team, ha chiesto a 54 volontari, con seri problemi come disturbo bipolare o schizofrenia, di valutare quali aspetti della loro vita fossero più funzionali nell’aiutarli a gestire la loro condizione.

È emerso che il 60% dei volontari poneva il proprio animale domestico al vertice della lista dei fattori principali di supporto. Il restante 20% posizionava il proprio amico a quattro zampe nella seconda fascia di supporto. “Le persone con cui abbiamo parlato nel corso dello studio – spiega la dottoressa Brooks – credono che il loro animale domestico svolga un ruolo positivo nella loro vita, aiutandoli, ad esempio, a gestire la vergogna associata alla loro condizione, accettandoli senza giudicarli.

Gli animali domestici vengono inoltre considerati particolarmente utili durante i momenti di crisi. Offrono un supporto incondizionato, che spesso queste persone non ricevono dalle proprie famiglie o dalla società. Sono importanti per la loro salute”.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata