Il governo ha deciso di uccidere 18.000 pipistrelli, nell’isola di Mauritius, perché danneggerebbero le coltivazioni commerciali di frutta. La decisione potrebbe causare l’estinzione della specie e per questo bisogna fermarla immediatamente. Il pipistrello della frutta di questa zona è una specie di grandi dimensioni conosciuta anche come volpe volante. “La popolazione è in allarme, il turismo potrebbe diminuire”. Uno studio dell’Università di Bristol sembra però contraddire l’accusa che ritiene i pipistrelli responsabili del cattivo raccolto della frutta. La perdita imputabile agli animali sarebbe di non oltre l’11%. Per fermare questo sterminio, che è già iniziato, si può firmare subito la petizione qui.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata