Più della metà delle galline allevate in Italia per la produzione di uova passano la loro intera vita rinchiuse in una gabbia di metallo. Stipate a migliaia all’interno di capannoni senza luce, esse vengono completamente private della libertà di esprimere la maggior parte dei loro comportamenti naturali e hanno a disposizione uno spazio così ristretto da non riuscire neppure a spiegare completamente le ali. In queste crudeli gabbie le galline sono costrette a mantenersi in equilibrio su un pavimento inclinato di rete metallica che provoca loro ferite dolorose e malformazioni agli artigli, e vivono tutta la loro vita fra le loro stesse feci. Costrette ad una vita di stress e privazioni, le galline spesso si ammalano e muoiono agonizzando all’interno delle gabbie. Molte grandi aziende del settore alimentare hanno già annunciato che smetteranno di approvvigionarsi di uova provenienti da galline allevate in gabbia, ma c’è ancora molto lavoro da fare. Firmando la petizione sul sito di Animal Equality vi unirete alle moltissime persone che sono contrarie alla crudeltà delle gabbie e vogliono impegnarsi per vedere la fine di questa pratica disumana.

Ecco il link della petizione: http://www.animalequality.it/il-vero-prezzo-delle-uova/

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata