Combattere il nemico con le sue stesse armi, ovvero contrastare i batteri “cattivi” usando la potenza di quelli “buoni”. È l’idea alla base della bioprotica, ossia la possibilità di prevenire determinate patologie attraverso microrganismi che vengono introdotti in modo mirato, con un vantaggio anche in termini di antibioticoresistenza, un problema di grandissima attualità.

Di questo abbiamo parlato insieme ai relatori d’eccezione come il professore, ricercatore e direttore del Velleja research Francesco Di Pierro, il professore di microbiologia neozelandese John Tagg;

la professoressa di Odontoiatria Pediatrica Alessandra Majorana, dell’Università di Brescia, il professore di Malattie Infettive e Tropicali ed Epatologia Raffaele Bruno, dell’Università di Pavia e del San Matteo e la giornalista e conduttrice Claudia Barigozzi, nel nuovo speciale dedicato alla medicina e alla salute.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata