Un appuntamento consolidato il galà charity di Leonardo DiCaprio, il quale ha chiamato a raccolta gli amici benefattori a St.Tropez. Questa è la quarta edizione dell’annuale gala e asta, simile all’amfAR di Cannes, si tierrà il 26 luglio nel ritrovo estivo di star e milionari in costa Azzurra. I fondi che saranno raccolti durante l’asta verranno devoluti alle attività della fondazione che porta il suo nome e che si occupa di attività e progetti di salvaguardia ambientale, un tema che sta a cuore alla star da sempre.

Durante l’evento Anne Hidalgo, sindaco di Parigi, sarà premiata con il “New World Leadership Award” per il suo innovativo approccio nel rendere la città di Parigi un modello per uno stile di vita urbano e sostenibile.

Mentre Lenny Kravitz, vincitore di Grammy Awards, farà una performance speciale. Simon de Pury condurrà l’asta con pezzi da collezione e memorabilità, oltre ad un insieme senza precedenti di opere d’arte dei più riconosciuti artisti internazionali come Paul McCarthy, Rashid Johnson, Sanya Kantarovsky, Adrian Ghenie, Damien Hirst, Jonas Wood, Sean Scully, Lynda Benglis, Andrea Bowers Sei sono le aree di azione della Leonardo DiCaprio Foundation: preservazione paesaggistica e di vita animale, conservazione degli oceani e della vita marina, cambiamento climatico, ricerca di soluzioni innovative, salvaguardia dei diritti delle popolazioni indigene e il programma California. Le iniziative della LDF e dei suoi partner sono attualmente operative in ogni continente e in tutti gli oceani.

“LDF e i suoi partner sono focalizzati nel cercare soluzioni di alcune delle più complesse e urgenti sfide ambientali che ci troviamo ad affrontare in questi giorni” ha spiegato DiCaprio. “Abbiamo effettuato tantissimi progressi nell’ampliare il nostro raggio di azione e nel sensibilizzare l’opinione pubblica. Stiamo finanziando programmi di conservazione della vita e della natura in tutto il mondo, lavorando con comunità locali e popolazioni indigene che quotidianamente combattono per la protezione delle proprie terre, risorse idriche e costumi sociali, e stiamo proponendo soluzioni per effettuare una necessaria transizione verso l’uso di energie rinnovabili e per contrastare il cambiamento climatico. In un’epoca in cui i governi nazionali sono bloccati in una continua retorica, è necessario lo sforzo di ogni singola persona per migliorare le condizioni del nostro pianeta. Possiamo iniziare con l’aumentare significativamente le attività filantropiche verso organizzazioni che lavorano alla tutela dell’ambiente naturale e nel richiamare l’attenzione verso un’azione globale e una battaglia comune.”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata