Il bucero dall’elmo è in grave pericolo: il suo becco rosso è un oggetto decorativo molto ricercato in Cina e ci sono persone che pagano prezzi esorbitanti per averlo. La specie è sull’orlo dell’estinzione. E ‘urgente fermare la caccia ed il traffico illegali. Unite la vostra firma a sostegno di questa petizione.

LetteraCA: Ai governi di Indonesia, Malesia e Cina

La caccia dell’ “avorio rosso” del suo becco ha portato il bucero dall’elmo sull’orlo dell’estinzione. Dobbiamo fermare la caccia illegale.

LEGGI TUTTA LA LETTERA
Il bucero dall’elmo (rhinoplax vigil) è classificato come in pericolo critico (CR) nella Lista Rossa IUCN. A Sumatra, dove si trovava ovunque, è già scomparso, avverte la IUCN.

La causa della loro diminuzione è imputabile alla caccia sfrenata e alla distruzione del loro habitat nelle foreste in pianura, a causa tra l’altro dell’ espansione delle piantagioni di palma da olio. La minaccia per gli uccelli proviene da due fronti: la bramosia del loro becco, e la distruzione del loro habitat per la produzione di olio di palma per i prodotti da supermercato.

I cacciatori li cercano principalmente per il loro becco. A differenza di altre specie, il becco è di cheratina, è compatto e non cavo, e quindi particolarmente prezioso. Vengono vendute anche le loro piume.

Gran parte dei volatili sono trafficati in Cina. Qui sono venduti a prezzi strabilianti: oltre $ 6.000 per un chilo di “avorio rosso”. Il becco (e la protuberanza superiore che pare un elmo) è utilizzato nella medicina tradizionale e per produrre bigiotteria, gioielli, fibbie per cinture. Negli ultimi cinque anni la domanda è aumentata considerevolmente.

I bracconieri sono particolarmente attivi in ​​Indonesia. Solamente nel Kalimantan Occidentale e solo nel 2013 ne sono stati cacciati 6.000. Anche i piccoli. E quando i volatili saranno estinti in Indonesia, saccheggeranno la Malesia.

Il commercio internazionale di bucero dall’elmo è vietato già a partire dal 1975: il divieto non l’ha però protetto. In Indonesia, le pene detentive fino a cinque anni non hanno fermato i contrabbandieri.

Per salvare il bucero dall’elmo dall’ estinzione devono essere implementate misure più severe contro il bracconaggio e il traffico di fauna selvatica. Sostenete questa petizione con la vostra firma. Grazie.

 

 

FIRMA ORA!!!!

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata