Unilever non deve comprare l’olio di palma da aziende che saccheggiano le foreste. E’ l’invito della petizione, lanciata su Salviamo la Foresta.org, che sostiene che il suo fornitore Wilmar contribuisce alla distruzione di una delle più grandi foreste di mangrovie in Indonesia. Per ottenere la materia prima alla base della margarina Flora, i gelati Frigo e i prodotti per l’igiene personale vengono abbattute le foreste tropicali e le comunità locali sfollate dalle loro terre, nonostante l’azienda sostenga di avere un “approccio sostenibile nella produzione di questo olio vegetale a basso costo.” Uno dei tanti casi di distruzione e di violenza per la coltivazione di palma da olio è stato scoperto in Indonesia sulla costa occidentale del Borneo. Nel distretto di Kubu Raya le foreste di mangrovie crescono lungo i fiumi fino alla loro foce nel mare. Qui vivono le scimmie proboscide. Le piantagioni di palma hanno fatto irruzione nel distretto di Kubu Raya da tempo. L’azienda palmicultrice di PT Sintang Raya è caratterizzata dalla sua brutalità; incurante della legge, ha distrutto le foreste di mangrovie e terrorizzato le comunità locali. Da qui Wilmar, il più grande distributore di olio di palma, acquista l’olio di palma per rifornire le multinazionali come Unilever. E nessuna azienda fa eccezione. Nello stesso distretto si trova la palmicultrice Rezeki Kencana, il cui olio di palma arriva a Unilever attraverso Wilmar. Le organizzazioni indonesiane esigono che Wilmar si assuma la responsabilità dell’accaparramento di terre e le violazioni dei diritti umani relazionati alla sua attività.

Ecco il link della petizione: https://www.salviamolaforesta.org/petizione/1101/unilever-il-vostro-olio-di-palma-non-e-sostenibile

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata