La plastica sta distruggendo il mondo, ecco che un surfista, Giulio Cerrone ispirata dall’amore per l’oceano ha lanciato ‘via la plastica dal mare’ e per sensibilizzare il pubblico al rispetto dell’oceano, ha creato un braccialetto in plastica riciclata, il cui ricavato finanzierà attività legate al recupero ambientale.

La sua Waves Avenue, un sito web che racconta storie di viaggi legati al mondo del surf, organizza surf camp e si pone come punto di riferimento per gli appassionati.

Ora ha stretto un accordo con Prosilas, azienda marchigiana nella sinterizzazione laser (realizzazione di prototipi in plastica col laser): il materiale di recupero delle lavorazioni servirà per realizzare bracciali in poliammide, materiale plastico anallergico.

“E’ stato un percorso lungo, ma alle fine ci siamo riusciti e ne sono veramente orgoglioso”, dice Cerrone.

Vanna Menco, Ceo di Prosilas e surfista, spiega: “La mia azienda lavora con materie plastiche. Benché queste vengano da noi smaltite e recuperate tramite gli enti preposti, l’idea di ricavare dal nostro materiale di scarto un oggetto che abbia nuova vita è davvero bellissima”.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata