La UE vuole concludere al più presto un accordo di libero scambio con quattro paesi sudamericani che sperano di esportare le loro carni bovine a buon mercato nel mercato europeo. Tutto questo a scapito di foreste e savane che verrebbero sostituite dai pascoli. Unite la vostra firma contro l’accordo UE-Mercosur.

LetteraCA: Alla Commissione Europea e ai governi degli Stati membri della UE

L’accordo di libero scambio proposto con gli Stati del Mercosur rappresenta una seria minaccia per l’uomo e la natura. No alla firma di questo accordo.

LEGGI TUTTA LA LETTERA
Le ragioni dell’accordo con il Sud America sono chiare: Brasile, Argentina, Paraguay e Uruguay vogliono vendere più carne bovina e pollame, zucchero ed etanolo nella UE, favorendo l’agricoltura intensiva e le sue gravi conseguenze per l’uomo e la natura.

Le quote di importazione di carni bovine verso la UE devono aumentare. Invece delle 70 000 tonnellate originariamente programmate, all’inizio di marzo si sarebbe registrato un aumento fino a raggiungere  99 000 tonnellate. Gli stati del Mercosur speravano addirittura di raggiungere le 200.000 tonnellate.

Le quote più elevate porteranno inevitabilmente ad un aumento della produzione di carne. Le foreste saranno distrutte per implementare i pascoli e sviluppare la coltivazione della soia. In Europa, la concorrenza dei paesi del Mercosur minaccia di innescare una guerra dei prezzi, a scapito dell’agricoltura ecologica e del benessere degli animali.

L’agricoltura intensiva pregiudica spesso la popolazione. In Sud America, per esempio, gli aerei spargono il glifosato nei campi, avvelenando interi villaggi. Le condizioni di lavoro negli allevamenti e piantagioni rasentano la schiavitù. Popoli indigeni e contadini sono sfrattati per aumentare l’estensione dei pascolo.

L’accordo Mercosur-UE non si limita alle quote di importazione e ai dazi, ma si estende a “barriere commerciali non tariffarie”, vale a dire a norme ambientali, diritti dei consumatori e lavoratori. Ad esempio, poiché l’accordo intende facilitare le importazioni di zucchero nella UE, sarà più difficile, se non impossibile, fare una campagna contro lo zucchero in eccesso negli alimenti. Lo stesso vale per le piante geneticamente modificate come la soia e prodotti come il glifosato.

Questo accordo commerciale è pericoloso e non deve essere siglato.

Grazie per unirvi alla petizione CLICCA QUI!

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata